Le fasi del processo creativo

Le fasi del processo creativo sono essenzialmente tre:

  • Braninstorming
  • Progettazione
  • stesura

A cui poi ovviamente si aggiungono la revisione e l’editing.

Ognuno di noi affronta questi step in modo diverso, ma ciascuna di esse ha delle caratteristiche peculiari.

Il brainstorming è quel periodo più o meno lungo, in un cui un autore cerca di “catturare” le idee. In genere la scintilla è già scattata e noi stiamo provando a focalizzarle gli aspetti principali della storia, dai personaggi all’ambientazione. Come ho scritto una volta nel gruppo Facebook “Parlando e Scrivendo”: “l’ispirazione viene da fuori, l’originalità da dentro”.

Cosa significa? che un romanzo nasce quando qualcosa di cui facciamo esperienza tocca la nostra sensibilità. Questo è il fulcro di tutto, ciò che dà vita alla “magia” insita in ogni libro: il connubio fra ispirazione e originalità.

Se l’originalità è una capacità del tutto innata, l’ispirazione si può favorire attraverso la lettura, la musica, la fruizioni di film e serie tv, tutto ciò che sia narrare…ma non dimenticatevi che la nostra stessa vita è una storia. Quindi il modo migliore per sollecitare l’ispirazione è vivere e impregnare di quel vissuto i nostri testi (non per forza in forma autobiografica).

Dopo alcuni mesi (forse più forse meno) la nostra idea è formata, iniziamo subito a scrivere?

Beh, c’è chi lo fa perché sente di avere le idee chiare e non ha bisogno di approfondire ulteriormente lo studio degli elementi della storia. Questo può capitare se si è molto sicuri di quello che si vuole scrivere o si si è autori esperti, con un metodo già consolidato.

Faccio una premessa a questo punto: ci sono autori che durante la fase di brainstorming pensano così bene il proprio romanzo (senza magari bisogno di scrivere niente) che finita questa sono già pronti per la stesura.

Altri che sentono il bisogno di soffermarsi su alcuni aspetti scrivendo scalette o schede personaggi.

Io credo però che per tutti i romanzi ci sia una fase di progettazione, che sia scritta o mentale, consapevole o inconsapevole. Perché non si può scrivere una storia se non si hanno le idee chiare.

Poniamo caso che noi vogliamo stendere un progetto completo e scritto della nostra storia, cosa inseriamo?

A questo argomento sarebbe il caso dedicare un articolo a parte. Per il momento vi posso dire quali sono gli elementi fondamentali per me:

  • idea ( e tutto quella che a essa si riferisce, quindi anche il messaggio alla base del vostro libro)
  • trama (sia trama estesa che sinossi)
  • struttura (in genere divisa in tre atti)
  • personaggi
  • ambientazione (word building)
  • ouline (scaletta dei capitoli e delle scene)

Molti identificano l’outline come il progetto stesso, mentre io preferisco separarli, ma è una scelta personale.
Tutti questi elementi sono concatenati fra loro, se nel progetto li analizzeremo separatamente in fase di stesura sarà necessario metterli in relazione l’uno con l’altro, dovranno muoversi insieme.

La stesura:

se abbiamo svolto una corretta progettazione dovrebbe essere la parte più “facile” e divertente del lavoro, anche qui però cambia molto da autore ad autore. Può durare da pochi mesi ad anni, non ci sono regole.

Seguono la revisione e l’editing.

Ritengo sia importante rileggere il testo, fare una prima correzione a caldo, poi lasciarlo decantare un paio di mesi ed inviarlo a un editor. Questo vi consentirà di consegnare un testo con una prima rifinitura ma ancora “lavorabile”.

Questi sono tutti argomenti che avrebbero bisogno di maggiore spazio, ma spero per il momento di esservi stata utile.

un abbraccio

 

Valentina